COMUNE DI NAPOLI

ASSOCIAZIONE PALAZZI NAPOLETANI

cosimo fanzago

PREMIO INTERNAZIONALE
COSIMO FANZAGO

XII EDIZIONE, mercoledi 12 giugno 2013

CON L'ADESIONE DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Palazzo Serra di Cassano
Sede dell'ISTITUTO PER GLI STUDI FILOSOFICI

SALONE DEGLI SPECCHI, Via Monte di Dio - Napoli

RASSEGNA STAMPA

SerraCassano,scala

francescoRosi virman cusenza prefetto pecoraro augusteo interno duca serra
LUIGI
GIAMPAOLINO
LOUIS
GODART

ROBERTO NAPOLETANO
FRANCESCO NICOLOSI
G. VITTORIO
SILVESTRINI


video servizio RAITRE

TG3 Campania del 18.6.2013 ed.19,30

Il servizio sul Fanzago va dal minuto 15':45" al minuto 16':32"


video Silvestrini
http://www.youtube.com/watch?v=8VzcvxT5jpo



LINKS
Premio Fanzago al Presidente
della "Città della Scienza"


Fuorigrottatoday

lospeaker.it

Nando Calabrese, reporter - Archivio





LE FOTO DELLA SERATA




I VIDEO


Serata Fanzaghiana 1
Visita guidata dell'Appartamento Ducale nel Palazzo Serra di Cassano.
La prof.ssa Angela Catello illustra un importante ed inedito dipinto di Mattia Preti: "Il giudizio di Salomone".


Serata Fanzaghiana 2
Angela Catello: Mattia Preti "Il giudizio di Salomone" - II

Serata Fanzaghiana 3
Cerimonia di premiazione - I parte

Serata Fanzaghiana 3b
Cerimonia di premiazione - II parte

Serata Fanzaghiana 4
Cerimonia di premiazione - III parte

Serata Fanzaghiana 5
Federica Pagliuca, soprano
Marina Pellegrino, pianoforte  -  (I)

Serata Fanzaghiana 6
Federica Pagliuca, soprano
Marina Pellegrino, pianoforte -  (II)

Serata Fanzaghiana 7
Federica Pagliuca, soprano
Marina Pellegrino, pianoforte -  (III)


(© Bruno Aymone Channel)


I soci APN

La Repubblica  2013  06  03
I cinque vincitori del Premio Fanzago
IL PRESIDENTE della Corte dei conti Luigi Giampaolino, l'archeologo Louis Godart, il direttore del "Sole 24 ore" Roberto Napoletano, il musicista Francesco Nicolosi e lo scienziato Vittorio Silvestrini sono i vincitori della dodicesima edizione sono i vincitori della dodicesima edizione del Premio Fanzago.
La cerimonia di premiazione il 12 giugno a Palazzo Serra di Cassano, coordinata da Piero Antonio Toma. Seguirà concerto con musiche di Pergolesi e Handel.


 La Repubblica  2013  06  11
Premio Cosimo Fanzago domani i cinque vincitori
Giunge alla dodicesima edizione il premio Cosimo Fanzago, organizzato dall' associazione "Palazzi napoletani" e fondato dall' architetto Sergio Attanasio con Celeste Fidora e Pietro Giordano. Domani alle 18, nella sede dell' Istituto studi filosofici a Palazzo Serra di Cassano, si terrà la consegna del premio, una scultura di Riccardo Dalisi, ai cinque vincitori: Luigi Giampaolino, presidente della Corte dei Conti, Luis Godart, archeologo e consigliere del presidente Napolitano, il musicista Francesco Nicolosi e Vittorio Silvestrini, presidente di Città della Scienza. In programma una visita guidata dell' appartamento ducale e un concerto con musiche di Pergolesi e Händel, eseguite dal soprano Federica Pagliuca accompagnata al pianoforte da Marina Pellegrino.


Napoli: Giampaolino, ferito da vicende Istituto studi filosofici e Girolamini
Adnkronos
Napoli, 12 giu. - (Adnkronos) - Istituto italiano di studi filosofici e Biblioteca dei Girolamini. Due luoghi della cultura di Napoli protagonisti nell'ultimo anno di vicende sfortunate: il patrimonio librario a rischio di Gerardo Marotta, fondatore e presidente dell'Istituto, e il furto di libri antichi dalla biblioteca, oggetto di un'inchiesta della magistratura. Due vicende che hanno "ferito" il presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino, oggi all'Istituto di studi filosofici per ritirare il premio 'Cosimo Fanzago'.
"Due luoghi ai quali", spiega, "sono molto legato; in particolare la Biblioteca dei Girolamini della quale ho tanti ricordi, cosi' come di tutti i luoghi della cultura di Napoli custodi di tanti tesori, simboli di un grande patrimonio culturale e morale, cifra di una cultura di cui il Presidente della Repubblica e' la personificazione".


Le ultime notizie
Beni culturali: Giampaolino, dopo modifica Titolo V contestazioni su tutela e valorizzazione
Napoli, 12 giu. - (Adnkronos) - La modifica del Titolo V della Costituzione "ha dato luogo a non poche contestazioni" sulla tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale. Lo ha detto il presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino, che ha ricevuto oggi il premio 'Cosimo Fanzago' nella sede dell'Istituto italiano per gli studi filosofici a Napoli. La riforma, ha spiegato Giampaolino, "ha modificato il quadro delle competenze del settore. Mentre la tutela e' compresa nelle competenze legislative statali, la valorizzazione, la promozione e l'organizzazione delle attivita' sono rimesse alla legislazio e concorrente regionale. Ma e' assai difficile distinguere i concetti dal momento che tutelare un bene significa anche valorizzare e viceversa". Il legislatore, ha aggiunto, "in questi anni ha proceduto con interventi emergenziali a macchia di leopardo. La Corte ha compiuto indagini in primo luogo sugli interventi per la salvaguardia e la messa in sicurezza dei patrimoni, poi sullo stato di manutenzione dei siti archeologici, anticipando molte cose che si sono verificate successivamente, e ancora sui risultati conseguiti nella valorizzazione del patrimonio".
(12 giugno 2013 ore 20.16)

"La cultura è un patrimonio di valori, di conoscenza, di saperi, di memoria che appartengono ad una determinata società umana. La cultura è anche una formidabile diga contro le degenerazioni sociali e politiche. Io ho vissuto pochi mesi addietro il dolore delle fiamme che hanno distrutto una parte importante di Città della Scienza. Mi è venuto in mente quando Hitler conquistò il potere e voleva far varare un programma di degenerazione: la prima cosa che organizzò fu l’incendio dei libri e delle biblioteche consapevole del fatto che l’ostacolo principale contro la sua politica delittuosa, la principale diga, era la CULTURA. Combattendo la cultura, combatteva contro il suo più pericoloso nemico.  Devo dire che lo stesso sentimento l’ho vissuto io quando ho visto incendiare Città della Scienza. La reazione nostra è stata subito quella di RICOSTRUIRE, ricostruire meglio ancora. Dimostrare al braccio criminale che la diga culturale c’è ed è forte. Sono stato fortemente confortato dalla straordinaria mobilitazione della società civile a sostegno di Città della Scienza per rifarla lì subito; e ancor più mi ha consolato il fatto che questa parola SOLIDARIETA’ è venuta soprattutto dai BAMBINI, a cominciare dai piccolissimi..”
(Vittorio Silvestrini)

LO SPEAKER

XII edizione del Premio internazionale Fanzago, 14 giugno 2013 09:18
NAPOLI – A Palazzo Serra di Cassano in Via Monte di Dio, dal 1983 sede dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, si è svolta la cerimonia di assegnazione del Premio “Cosimo Fanzago”,  giunto quest’anno alla sua dodicesima edizione.
Il premio Fanzago è un riconoscimento conferito a personalità che hanno contribuito, grazie al loro impegno artistico, intellettuale e culturale, alla crescita e al prestigio della Città.
La fondazione Premio “Cosimo Fanzago”, nel maggio 2002, fu fortemente voluta dall’Associazione Culturale Palazzi Napoletani, nelle persone degli architetti Sergio Attanasio, Celeste Fidora e Pietro Giordano.
La cerimonia di quest’anno è stata preceduta da una visita guidata all’appartamento ducale dove la storica dell’Arte Angela Catello ha illustrato l’importante dipinto di Mattia Preti “Il Giudizio di  Salomone”, il grande pittore il cui quattrocentesimo della nascita ricorre proprio nel 2013.
Nel 2013 il riconoscimento è stato attribuito a Luigi Giampaolino, presidente della Corte dei Conti; Louis Godart, archeologo nato in Belgio ma italiano di adozione, che non ha potuto  presenziare a causa di un improrogabile impegno istituzionale con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; Roberto Napoletano, direttore del Sole 24 Ore; il pianista Francesco Nicolosi, napoletano d’elezione ma di origine catanese, e Vittorio Silvestrini, presidente di Città della Scienza.
La manifestazione, presieduta da Sergio Attanasio, Celeste Fidora, Pietro Giordano e dal giornalista e scrittore Pietro Antonio Toma, è proseguita con gli interventi delle personalità prescelte quest’anno.
Luigi Giampaolino ha commentato così l’assegnazione del premio,manifestando viva e commossa gratitudine: «I risultati conseguiti in termini di valorizzazione del patrimonio culturale, il restauro e il recupero dei beni culturali sono alcuni dei meriti di cui mi posso vantare nel ricevere il premio conferitomi. Sono veramente grato e desidero rendere omaggio all’Associazione dei Palazzi Napoletani, perché Napoli è  luogo di scienza, di letteratura, di arte e conserva capolavori culturali di importanza mondiale».
L’intervento di Roberto Napoletano, direttore del “Sole 24 ore”, ha sottolineato invece l’importanza della memoria della nostra tradizione culturale.
Il giornalista ha ricordato lo sconcerto provato in circostanze in cui persone, anche titolate, dichiaravano di non conoscere personalità di grande spessore culturale come Gabriele Pescatore.
Ha  messo dunque in rilievo la necessità di rivalutare l’immenso  patrimonio artistico italiano, che attraversa città come Firenze, Napoli o Torino e per il quale bisognerebbe profondere ammirazione.
«Questo Paese – ha concluso Napoletano – ha un disperato bisogno di recuperare la memoria, non avremo mai un futuro se non sappiamo chi siamo e da dove veniamo».
Il presidente di Città della Scienza, Vittorio Silvestrini, ha discusso del vivo impegno e della grande responsabilità necessaria alla ricostruzione del polo culturale, che è stato di recente oggetto di un disastroso incendio: «Il nostro scopo è di ricostruire meglio, dimostrando a tutto il mondo lo straordinario polo culturale che rappresenta ancora Città della Scienza. Molto confortante è stata la mobilitazione della società civile che ci ha offerto un grandissimo sostegno».
L’arch. Attanasio ha poi chiamato a concludere l’evento il filosofo napoletano Aldo Masullo e l’architetto, scultore ed artista Riccardo Dalisi.
L’intervento conclusivo di Aldo Masullo ha chiarito le finalità dell’iniziativa: «Quando si premiano persone che non solo hanno contatto ma portano viva la cultura in tutte le sue forme, anche un atto amministrativo è un atto di cultura. Credo che ciò sia il significato di questo incontro e sono grato, come cittadino e come uomo che ama la cultura, agli ideatori  di questo premio che consentono che l’iniziativa sia un’occasione non solo per parlare del passato ma in qualche modo per promuovere il futuro».
Infine, Riccardo Dalisi, che ha realizzato le sculture che sono state assegnate ai vincitori del Premio edizione 2013, ha rivolto un pensiero ai bambini dai quali lo scultore dice di aver tratto ispirazione per la propria arte: «Nel corso della mia attività ho lavorato molto con i bambini, soprattutto con bambini di strada e ho scoperto che il bambino più diseredato è quello che lavora meglio. Dico sempre che i miei maestri sono stati i bambini».


Francesca Mancini

Data: 09-06-2013
DOMENICA Il Sole 24 Ore
CULTURA E SVILUPPO
Premio Fanzago. Tra i vincitori Silvestrini e Godart
Mercoledì a Napoli a Palazzo Serra di Cassano, ore 18, la 12° edizione del Premio Fanzago. I premiati sono Luigi Giampaolino, presidente Corte dei Conti, Louis Godart, archeologo e consigliere del Quirinale per il Patrimonio artistico, Roberto Napoletano, direttore del Sole -24 Ore, Francesco Nicolosi, presidente del Centro Studi Sigismund Thalberg e Vittorio Silvestrini, fondatore della Città della Scienza.

IL MATTINO
Venerdì 7 Giugno 2013

Cerimonia
La consegna –Mattia Preti premio tra i dipinti

Mercoledì 12 giugno 2013 alle 18,00, presso il Palazzo Serra di Cassano, sede dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici in via Monte di Dio 15, cerimonia di consegna del Premio Cosimo Fanzago dell’Associazione Palazzi Napoletani,  con l’adesione del Presidente della Repubblica, giunto quest’anno alla dodicesima edizione, fondato e presieduto dall’architetto Sergio Attanasio con la collaborazione di Celeste Fidora e Pietro Giordano. La cerimonia sarà preceduta da una  visita guidata dell’appartamento ducale, per ammirare nella Sala delle Quattro Stagioni l’importante, ma inedito, dipinto di Mattia Preti (1613-1699),  Il Giudizio di  Salomone, illustrato da Angela Catello, e ricordare che quest’anno ricorre il quattrocentesimo anno della nascita del pittore.
  Alla cerimonia seguirà un concerto con musiche di G.B. Pergolesi da " Il Flaminio - Scuote e fa guerra” e “Da rio funesto turbine” e  di G.F. Händel dal " Rinaldo - Lascia ch'io pianga”, interpreti Federica Pagliuca, soprano e Marina Pellegrino, pianoforte.

associazionepalazzinapoletani

logo fanzago

associazionepalazzinapoletani

HOME


Associazione Palazzi Napoletani

Presidente: Arch. Sergio Attanasio

via R. De Sangro, 4 - 80134 NAPOLI  - tel/fax 081441303
sergioattanasio@associazionepalazzinapoletani.it

Progetto Grafico:
Arch. Pietro GIORDANO
Webmaster